giovedì 30 aprile 2009

Il Sangue del Vampiro (1958) di Henry Cass

Grazie alla No Shame Video finalmente possiamo guastarci questo classico dell'hrror. Il Sangue del Vampiro è un film prodotto da Robert S. Baker e Monty Berman. I due cineasti, conosciutisi durante la guerra, avevano messo su una casa di produzione che per molto tempo fu insieme alla Hammer e la Amicus tra i capisoldi dell'horror made in Britain, anche se in seguito Baker & Berman produrranno anche alcuni telefilm d'azione interpretata di Roger Moore (Il Santo, Attenti a Quei Due!).
La particolarità delle pellicole targate Baker & Berman, fa cui dobbiamo citare anche Hell-Fire Club, The Curse of Crimson Altar e Le Iene di Edimburgo, era la totale assenza di elementi fantastici. Tali film, infatti, puntavano soprattutto sul mostrare storie "terrene" e realistiche contraddistinte da un forte sadismo, tanto che i due produttori definivano questi film non horror, ma "action thriller". Il Sangue del Vampiro non fa eccezione a questa regola.
La vicenda ruota attorno al personaggio del Dr. Callistratus (o Callistrato nell'edizione italiana), uno scienziato che, a causa dei suoi esperimenti col sangue umano, viene creduto un vampiro e ucciso con il classico paletto. Il suo assistente deforme tuttavia lo riporta in vita grazie ad un trapianto di cuore (!). Anni dopo un medico, accusato ingiustamente di un crimine, si trova detenuto in un carcere psichiatrico il cui direttore è proprio il redivivo Callistratus che prosegue i suoi esperimenti, usando i detenuti come cavie.
Il Sangue del Vampiro stranamente assomiglia molto più che alle contemporanee produzioni Hammer (Dracula il Vampiro, Il Mistero del Castello, Dracula Principe delle Tenebre, ecc...) ai vecchi lavori della Universal, al punto da affidare il ruolo di Callistratus ad un anziano attore teatrale, Donald Wolfit, che somiglia incredibilmente a Bela Lugosi. A distinguere, però, la pellicola di Henry Cass dai classici Universal è appunto l'alta dosa di sangue e di violenza, tanto che qualche critico non esita a definire la pellicola "un film sadiano". La sceneggiatura è firmata proprio da quel Jimmy Sangster che era lo sceneggiatore "di fiducia" della Hammer, ma le già rilevate differenze di stile, avvalorano la tesi secondo cui Terence Fisher riscrivesse tutte le sceneggiature dei film hammeriani, pur rifiutando di essere accreditato anche come autore (forse per un eccesso di umiltà).
Nonostante alcuni trucchi non proprio riuscitissimi (es. il trucco dell'assistente gobbo) Il Sangue del Vampiro contiene sequenze veramente shock per quel periodo, tanto che nell'edizione inglese la censura dovette sforbiciare parecchio, eliminando immagini di budella, teste umane chiuse in contenitori di vetro, e sangue che cola dalle malcapitate cavie-vittime in grandi ampolle. Baker & Berman, tuttavia, presero l'abitudine di realizzare due versioni dei loro film, una "moderata" per il pubblico nazionale, l'altra più sanguinolenta e morboso per l'estero.
Un ultima nota sul regista Hanry Cass: essendo un nome in pratica semi-sconosciuto per anni su di lui sono circolate leggende metropolitane del tipo che in seguito ad una crisi mistica avrebbe distrutto tutte le pellicole che aveva diretto. In realtà Cass era più che altro un regista di melodrammoni strappa-lacrime che sono ormai andati in gran parte perduti. Il suo picco artistico fu senza dubbio Il Sangue del Vampiro, forse grazie anche al contributo di Monty Berman che, oltre a figurare come operare, sembra fosse una sorta di regista-ombra. Il fatto che anche questo film fosse presochè introvabile ha finito per alimentare ulteriormente la leggenda del regista folle.

8 commenti:

Francesca Paolucci ha detto...

'The Curse of the Crimson Altar' di Vernon Sewell del 1969 (in italia conosciuto come 'Black Horror - le messe nere') NON è un film prodotto da Baker & Berman, ma un film della Tigon, la casa di produzione inglese che aveva come regista di fiducia Michael Reeves (morto proprio nel 1969).

Comic Soon ha detto...

Comic Soon, la prima community di blogger dedicata al fumetto, ti invita ad entrare a far parte della tribù: la novità fondamentale per ogni utente è che i blog vengono selezionati random e girati in home page con tanto di immagini e stralci di post, per cui la visibilità è assicurata per tutti. Inoltre l'elenco degli utenti è già presente in home page, ragion per cui non è necessario fare nessuna particolare ricerca per scovare i contatti. Ti aspettiamo su www.comic-soon.com!!!
Potrai trovare anche il bando ufficiale del primo concorso Comic Soon!!

Paolo Motta ha detto...

Francesca- Ops, mi sono confuso. Pensare che ero convinto fosse loro. Vedo che la tua cultura cinematografica è sempre superiore alla mia:)

Paolo Motta ha detto...

Comic Soon- grazie dell'invito, vedrò di dare un'occhiata ai vostri blog, anche se ne ho già diversi da gestire:-)

** Iria Kibou ** ha detto...

Ciao Paolo!!, finalmente mi sono deciso a scriverti nel tuo blog!! ^___ ^ Sembra essere che la cosa gotica, ma bene le acrtices gotiche ti piace ehi!!.

Buono, vengo soprabito ad invitarti a che partecipi ad un'attività artistica che ho appeso al mio blog, è stato idea di un'amica, ed io sto diffondendo il messaggio a chi credo che potrebbero comunicare.

Se non ti gradire non passare niente, ma mi piacerei vedere qualcosa di disegnato per te, comunichiamo alcuni, io compreso ^ __ ^ Spero che ti azzardi!!

Baci!!

MaGiLLa ha detto...

Mi spiace non apprezzare i vampiri in ogni loro forma, a parte rare eccezioni!

Paolo Motta ha detto...

Magilla- tutti i gusti sono gusti, eppure Il Sangue del Vampiro è veramente fatto bene:-)

Enrico Teodorani ha detto...

E comunque, Magilla, ne 'Il Sangue del Vampiro' in realtà non c'è nessun 'vampiro' in senso stretto.